chianti cooking experience loading

Halloween – la festa pagana tra le feste pagane, e la più discussa, almeno in Italia

Halloween – la festa pagana tra le feste pagane, e la più discussa, almeno in Italia

Halloween – la festa pagana tra le feste pagane, e la più discussa, almeno in Italia

 

Chi mi conosce, sa che a me piacciono tutti i riti e tutti i tipi di feste pagane e non. In queste occasioni riesco a collegarmi a quel sentire in modo più fluido, semplice, direi arcaico. E' vero potrei sentire la rinascita dentro di me tutti i giorni dell'anno ma in primavera quando abitavo in Svizzera e tradizione di montagna vuole che si cammini scalzi sui patri per la prima rugiada; questo semplice gesto oltre che a divertirmi mi collegava a quel sentire.

 

Per me un rituale vale un' altro, in modo positivo intendo; non trovo differenza fra accendere un fuoco nel bosco e stare in silenzio a contemplarlo, cantare degli inni in una chiesa o danzare di fronte ad una statua religiosa.

Ieri i miei amici indiani festeggiavano Diwali la festa della luce; spesso ho partecipato a feste ebraiche, musulmane e rom e sempre ho respirato un' aria di comunione fra le persone, e il divino, ognuno per come lo vive.

 

Ma torniamo ad Halloween, a me piace soprattutto perchè preparo qualche dolce speziato, intaglio, decoro la mia zucca, e accendo una candela per tenere lontane le streghe....

 

Oggi dal panettiere ho ascoltato la solita vecchia signora di turno che dice in tono sprezzante
Basta con Halloween, basta con queste mode americane” e mi sarebbe piaciuto farle presente che questa festa americana, come dice lei, ha origine nella vecchia Europa prima della nascita del nostro Signore, e più precisamente in Irlanda dove i Celti, popolo pagano, il 31 ottobre festeggiavano Samhein, letteralmente, festa di fine estate . Il 1 novembre iniziava il nuovo anno. Durante quella notte i celti credevano che il velo che separava i vivi dai morti si assottigliasse e che si potesse comunicare più facilmente con le anime dei defunti, da qui anche la tradizione di accendere delle candele per tenere lontane le streghe.

Tiocfaidh an Samhain....in gaelico significa Sahmain sta arrivando!!!
Quando il Cristianesimo arrivò  in Irlanda, Samhein venne trasformata in All Hallows’ Eve – La vigilia di tutti i Santi.
La tradizione è stata poi esportata negli Stati Uniti dai migranti irlandese solo nel 1800.

 

Il prossimo anno vi parlerò del perchè la zucca è il simbolo di Halloween.

Per ora accontentiamoci del buonissimo

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Ricetta di Halloween... ma non solo !

Budino alla zucca con amaretti e cannella:

 

300 g di zucca butternut
un pizzico di sale
vaniglia
250 ml di latte intero
1 uovo e 1 albume
50 gr di farina di mandorle
50 g di zucchero di canna

 

Per il caramello:
50 g di zucchero
cannella
10 amaratti
un po’ d’acqua

 

Preparazione
Puliamo la zucca, tagliamola a cubetti, e cuociamola con poca acqua salata in un pentolino finché non sarà morbida.
Frulliamo la zucca in un mixer e aggiungiamo le uova, lo zucchero, il latte, la farina di mandorle e la vaniglia.
Prepariamo a parte il caramello versando lo zucchero, la cannella e un po’ d’acqua in un tegamino e facendolo cuocere a fiamma vivace, mescolando ininterrottamente con un cucchiaio di legno. Quando lo zucchero comincerà a colorarsi, abbassiamo la fiamma finché il caramello sarà pronto. Velocemente versiamo il caramello negli stampini, sbricioliamoci gli amaretti, e poi versiamo il composto di zucca. Cuociamo in forno per 1 ora circa a 180°C.
Una volta freddi mettiamo i budini in frigo per far rassodare almeno 2 ore.

 

Si possono servire con panna montata o gelato : )